BONUS FISCALE DEL 50% “CASA SICURA”
Videosorveglianza e impianti d’allarme, il bonus è al 50%

COME OTTENERE LE AGEVOLAZIONI PER METTERE IN SICUREZZA LA TUA CASA E LA TUA FAMIGLIA

Proteggere la propria famiglia e la propria casa resta uno dei più importanti obiettivi che ognuno di noi vuole raggiungere. Per aiutarti a conquistare questa meta e prevenire le attività criminali, è stata prorogata per tutto il 2018 il bonus antifurto previsto nella legge di stabilità. Potrai quindi usufruire di una detrazione fiscale del 50%, a seguito dell’installazione di un impianto di allarme e videosorveglianza atti a garantire la sicurezza da furti, aggressioni e sequestri in casa o appena fuori dall’abitazione (atrio, giardino, terrazzo, …)

A seguito delle nuove disposizioni che verranno introdotte dalla nuova Legge di Stabilità 2018, i contribuenti, potranno beneficiare ancora della detrazione 50% delle spese sostenute e pagate con bonifici, effettuate dal 26 giugno 2012 al 31dicembre 2018, con un limite massimo di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare e bonus mobili e bonus acquisto elettrodomestici.

A chi spetta?

Il bonus ristrutturazioni edili 2018 rientra nelle agevolazioni fiscali che spettano a tutti i contribuenti che sono assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche residenti o meno in Italia.

Nello specifico, il bonus ristrutturazione spetta a:
– Proprietari di Immobili;
– Titolari di diritti pedonali di godimento sull’immobile oggetto di detrazione, ovvero, usufrutto, uso, abitazione o superficie;
– Nudi proprietari;
– Locatari e comodatari;
– Soci di cooperative;
– Imprenditori individuali se l’immobile non è ad uso strumentale; società semplici, in nome collettivo, in accomandata semplice e soggetti equiparati, imprese famigliari con le stesse modalità degli imprenditori individuali;
– Familiare convivente con il proprietario o possessore dell’immobile oggetto dell’agevolazione
– Convivente more uxorio, non proprietario dell’immobile oggetto degli interventi né titolare di un contratto di comodato

Come si fa a richiedere la detrazione e fruire degli incentivi per impianti d’allarme e videosorveglianza?

I contribuenti devono indicare nella dichiarazione dei redditi, da fare a seconda della tipologia del contribuente con il modello 730 o modello Unico, i seguenti dati: Dati catastali identificativi dell’immobile. Se i lavori agevolabili sono effettuati da chi detiene l’immobile nella dichiarazione dei redditi vanno indicati gli estremi di registrazione dell’atto che ne costituisce titolo. Il contribuente inoltre deve conservare ed esibire, a richiesta degli uffici, i documenti indicati nel provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 2 novembre 2011

DI COSA HAI BISOGNO?

I documenti che servono per usufruire delle agevolazioni fiscali sono: Comunicazione ASL: il contribuente deve inviare tramite raccomandata A/R una comunicazione all’Azienda sanitaria locale competente per territorio contente le seguenti informazioni: generalità del committente dei lavori e ubicazione degli stessi, la natura dell’intervento da realizzare, i dati identificativi dell’impresa che esegue i lavori con esplicita assunzione di responsabilità rispetto agli obblighi previsti dalla legge in materia di sicurezza sul lavoro e contribuzione e data di inizio dell’intervento di recupero. Domanda di accatastamento (se l’immobile non è ancora censito) Ricevute di pagamento dell’Ici e IMU, qualora l’immobile ne sia assoggettato Se gli interventi riguardano le parti comuni di edifici residenziali: occorre avere la Delibera dell’assemblea che ha approvato l’esecuzione del lavori + tabella millesimale di ripartizione delle spese. Dichiarazione di consenso del possessore dell’immobile all’esecuzione dei lavori. Per gli acquisti contemporanei di casa e box con unico atto notarile, indicante il vincolo di pertinenza del box con la casa, l’acquirente può usufruire della detrazione. Concessioni, autorizzazioni e ove non previste dalla Legge, dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà sulla quale indicare la data di inizio dei lavori e attestare che gli interventi realizzati rientrano tra quelli agevolabili.

Quali spese rientrano nelle Detrazioni Fiscali 2018 per la sicurezza?

La detrazione fiscale 2018 spetta per tutte quelle spese sostenute per realizzare interventi sugli immobili volti a garantire la sicurezza della tua casa da furti, rapine, aggressioni.

Perizie per installazione impianto di allarme e antifurto
Sopralluoghi installazione impianto di allarme
Progettazione impianto di allarme
Prestazioni professionali connesse allarme di casa
Spese per l’acquisto dei materiali impianto di allarme
Rafforzamento, sostituzione o installazione di cancellate e recinzioni
Grate Finestra
Installazione di Porte blindate o rinforzate
Sostituzioni Serrature Serramenti: spetta detrazioni sulle spese d’installazione di rilevatori di apertura e di effrazione Saracinesche Tapparelle metalliche con bloccaggi
Vetri antisfondamento
Telecamere a circuito chiuso collegate con centri di vigilanza privata
Compenso corrisposto per la relazione di conformità dei lavori alle leggi vigenti.